Lo sapevate che?

Gestionale

 

Consigli pratici sull’utilizzo del Gestionale.

In questa sezione potrete approfondire le funzionalità dei Gestionali EdiSoftware.

Per rimanere sempre aggiornati potete seguirci sul nostro canale Twitter e youtube

Il CRM - La Profilazione

 

Il Gestionale Intelligente fornisce la possibilità di profilare le anagrafiche clienti, fornitori, leads suddividendoli in specifici gruppi.


Ma che significato ha il termine Profilazione?


Con profilazione si intende uno strumento che permette di organizzare le anagrafiche in precisi insiemi che hanno caratteristiche o comportamenti comuni al fine ad esempio di


•    tracciare il risultato di un contatto commerciale,
•    fornire un ulteriore elemento di classificazione dell’anagrafica  
•    censire i gusti o le abitudini dell'anagrafica


e così via.

 

CRM-profilazione

 

Il concetto di profilazione, sebbene possa essere applicato a tutte le anagrafiche che abbiamo precedentemente menzionato, risulta molto utile sopratutto per le anagrafiche dei clienti.
Non tutti i clienti sono infatti uguali, pertanto conoscerli e classificarli in tipologie che ne tracciano le caratteristiche aziendali o le abitudini commerciali potrebbe risultare molto utile nella relazione, per proporre ad esempio offerte e trattamenti tagliati sulle sue necessità aumentando cosi la possibilità di ottere un risultato positivo nelle trattative.

All'interno del gestionale la profilazione viene configurata attraverso la definizione della tipologia e della famiglia.
Il dettaglio della profilazione viene invece dato dall’informazione del codice profilazione e dall’eventuale valore ad esso associato che indicano sostanzialmente le risposte che un cliente può dare alle domande che vengono poste. (Es. Si/No, Sempre/Mai/Quasi Mai etc.) o a quello che l'azienda che profila vuole categorizzare.

Ogni tipologia viene quindi ulteriormente raggruppata in famiglie.

Vediamo adesso al cuore vero e proprio della gestione delle profilazioni, analizzando quindi la maschera delle profilazioni stesse.
All'interno di questa l'utente potrà indicare il dettaglio ossia la caratteristica vera e propria che si vuole analizzare.
Come detto in precedenza per garantire una definizione il più libera possibile, l'utente non è obbligato a inserire la profilazione all'interno di un raggruppamento per tipologia/famiglia.
Si potranno infatti creare profilazioni libere, quindi senza definizione dei criteri di raggruppamento.
Oppure indicarne uno solo dei due quindi solo la tipologia o solo la famiglia.

Analizziamo adesso qualche profilazione.


Per la tipologia dei dati commerciali e famiglia "tipologia di acquisto", si è scelto di profilare le informazioni riguardanti

 

  • il numero di acquisti che un cliente fa annualmente
  • il periodo in cui questi vengono fatti
  • la tipologia di prodotti che vengono acquistati
  • l'importo medio di ogni ordine

Ad ognuna di queste profilazioni è possibile dare differenti risposte ossia i valori. 

Una volta codificati i dati tabellari si potrà quindi procedere a collegare le varie profilazioni alle anagrafiche. Accededendo direttamente alla sezione CRM.


Le stesse poi verranno utilizzate come criterio di selezione delle anagrafiche quando si vogliono effettuare alcune operazioni. In particolare tali informazioni verranno visualizzate nelle maschere di

 

  • Pianificazione attività pianificare nuove attività
  • Gestione attivita per manutenere le attività esistenti
  • Invio mail CRM per inviare mail ad esempio di carattere commerciale.

Ad esempio si potrà pianificare l'invio mail a tutti quei clienti che effettuano ordini medi superiori ai 5.000 euro promuovendo una vantaggiosa offerta di sconto.
Dalla maschera di invio mail CRM quindi si andrà ad indicare il valore di profilazione relativo e si procederaà all'invio della mail commerciale per tutti quei clienti che rispondo alla caratteristica di profilazione indicata.